loader
AKRON Srl
Akron

RICERCA SCIENTIFICA

BIOTECNOLOGIA E LA SCIENZA DELLA FERMENTAZIONE

…SI APRE UNA NUOVA ERA PER LA NUTRIZIONE GRAZIE ALLE MATRICI FERMENTATE, CHE STANNO DANDO PROVA DI GRANDE EFFICACIA NEL RAFFORZARE IL SISTEMA IMMUNITARIO, SUPPORTARE FUNZIONI METABOLICHE E CATABOLICHE E CONTRASTARE DISBIOSI.

LA FERMENTAZIONE MICROBICA È IL METODO PIÙ APPLICATO NELLA BIOTECNOLOGIA ED HA UN GRANDE NUMERO DI USI ED APPLICAZIONI NELL’INDUSTRIA ODIERNA.

La richiesta di ingredienti funzionali nell’industria alimentare come anche nell’agricoltura per garantire il benessere degli animali e delle piante è in crescita e i prodotti della fermentazione NON sono più solo una promessa, ma già una realtà.

La potenzialità di fermentati sta nel produrre sostanze che aiutano la fisiologia e la nutrizione animale garantendo risultati eccellenti in totale bio-sicurezza.

MA COSA SONO ESATTAMENTE I POSTBIOTICI?

Fermentazioni guidate danno origine a complessi ricchi in metaboliti. Quando un alimento viene fermentato, vengono rilasciati una serie di metaboliti prodotti dai batteri stessi che vengono chiamati postbiotici. I postbiotici, sono noti anche come metabiotici, biogenici, o semplicemente metaboliti/CFS (surnatanti privi di cellule), sono definiti come fattori solubili, prodotti o sottoprodotti metabolici secreti da batteri vivi o rilasciati dopo la lisi batterica da differenti ceppi di batteri. Alcuni esempi includono acidi grassi a corta catena (SCFA), enzimi, peptidi, acidi teicoici, vitamine e acidi organici.

PROSPETTIVE CLINICHE DI MATRICI FERMENTATI E POSTBIOTICI

A differenza dei prebiotici, i postbiotici si sono rivelati particolarmente funzionali nei casi di disbiosi, tant’è che sono stati proposti come integratori alimentari in grado di promuovere l’omeostasi intestinale nei casi di malattie infiammatorie intestinali. La gran parte dei microrganismi che vivono nell’intestino non vengono in diretto contatto con le cellule epiteliali perché essi vivono in una regione dell’intestino ricoperta dal muco intestinale. Il muco intestinale forma una barriera oltre che un supporto per i batteri per cui la gran parte delle interazioni non vengono tra gli stessi ma vengono con i loro prodotti metabolici così detti postbiotici. In questo caso tutti i cibi che vengono fermentati all’interno dell’intestino tramite i batteri rilasciano una serie di molecole che sono importanti per un corretto funzionamento dell’organismo vivente (immunomodulanti, peptidi antimicrobici, enzimi digestivi, acidi organici etc). Questo processo di fermentazione può avvenire nellì’ organismo quando utilizziamo i probiotici, per esempio, oppure può essere mimato esternamente mediante l’utilizzo delle matrici fermentate. Le matrici fermentate non sono altro che degli alimenti che sono stati fermentati con i probiotici, dopo di che il probiotico può essere o allontanato o inattivato al calore quindi tutto questo che resta sono i suoi prodotti metabolici. Per cui in funzione della matrice che utilizziamo e del microrganismo (batterio, fungo, lievito) utilizzati per la fermentazione, possiamo avere una serie di composti che possono avere diverse capacità e attività sul sistema digerente ed immunitario. La loro attività si basa sull’interazione con il sistema immunitario e la sua modulazione. Quindi, possiamo o attivare una risposta immunitaria e favorire una risposta contro le infezioni, oppure spegnere una risposta immunitaria nel caso in cui abbiamo una eccessiva infiammazione

Esempio più semplice delle matrici fermentati è un latte, o uno yogurt, dove al suo interno possiamo avere diverse molecole attive, di grande efficacia in forma attiva e assimilabile, con diverse capacità che dipendono dal batterio utilizzato.