I 17 obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) delle Nazioni Unite sono stati progettati per motivare e facilitare le economie mondiali ad affrontare le principali sfide che la nostra società e l’ambiente devono affrontare. Al centro della maggior parte degli SDG si trova il principio di base dell’utilizzo ottimale e responsabile delle risorse per scopi che conducano verso un’economia circolare.

I problemi ambientali, come la perdita di biodiversità, l’inquinamento dell’acqua, dell’aria e del suolo, l’esaurimento delle risorse e l’uso eccessivo del suolo stanno mettendo sempre più a rischio i sistemi di supporto vitale della terra (Rockstrom et al., 2009, Jackson, 2009, Meadows et al., 2004 , WWF, 2014).

Per affrontare queste e altre questioni di sostenibilità, il concetto di economia circolare, sebbene non del tutto nuovo, ha recentemente acquisito una certa importanza. Le aziende sono inoltre sempre più consapevoli delle opportunità promesse dall’economia circolare, iniziando così a ricavarne il potenziale valore per sé stesse.

Definiamo l’economia circolare come un sistema rigenerativo in cui l’input di risorse, gli sprechi, le emissioni e la dispersione di energia sono ridotti al minimo, rallentando, chiudendo e restringendo i circuiti di materiale ed energia. Ciò può essere ottenuto mediante progettazione, manutenzione, riparazione, riutilizzo, rigenerazione, ricondizionamento e riciclaggio di lunga durata.

In secondo luogo, definiamo la sostenibilità come l’integrazione equilibrata di prestazioni economiche, inclusività sociale e resilienza ambientale, a vantaggio delle generazioni attuali e future.

La direttiva sulle energie rinnovabili richiede a tutti gli stati membri dell’UE di soddisfare almeno il 20% del loro fabbisogno energetico con fonti rinnovabili entro il 2020, con almeno il 10% di combustibili rinnovabili per i trasporti. È quindi importante esplorare sistemi alternativi, rispettosi per l’ambiente ed efficienti dal punto di vista energetico, in particolare nei settori dell’agricoltura e dei trasporti. In questi ambiti, una tecnologia che sta suscitando un particolare interesse è la digestione anaerobica (AD). L’AD è un processo in cui la materia organica viene scomposta da microrganismi in un ambiente privo di ossigeno per formare biogas e digestato/biofertilizzante. La materia prima (materia organica) può includere liquami di suini o bovini, lettiere di pollame, colture energetiche come gli insilati di erba e rifiuti alimentari. La composizione del biogas dipende dalla materia prima, ma è tipicamente ~ 60% di metano (CH4) e ~ 40% di anidride carbonica (CO2), con alcuni componenti minori come acqua e idrogeno solforato (H2S). L’uso più comune del biogas è direttamente la generazione combinata di calore ed elettricità (CHP).

I principi chiave di un’economia circolare sono preservare e valorizzare il capitale naturale, ottimizzare i rendimenti delle risorse e promuovere l’efficacia del sistema. Le comunità agricole rurali sono fortemente adatte all’applicazione del principio dell’economia circolare. La produzione di AD e biogas potrebbe essere al centro di un’infrastruttura energetica rurale intelligente e sostenibile (Fig. 1), con le aziende agricole che forniscono materie prime come colture e liquami e l’industria locale che fornisce rifiuti alimentari per generare elettricità e biometano. A sua volta, il digestato di AD può essere utilizzato come fertilizzante nella produzione agricola, e il ciclo può continuare…

La digestione anaerobica ha il potenziale per ridurre la dipendenza dai combustibili importati, nonché per aiutare a soddisfare i fabbisogni energetici fornendone una quota maggiore attraverso le energie rinnovabili.

La produzione di elettricità in azienda con un impianto AD presenta non solo il vantaggio di generare energia da un prodotto di scarto, ma anche di consentire all’agricoltore di lavorare secondo un programma più flessibile, senza i costi aggiuntivi dell’utilizzo nei periodi di punta.

Secondo uno studio, è stato rilevato che un’azienda lattiero-casearia media nell’Irlanda del Nord produce ~ 2.363 litri di latte al giorno, richiedendo un totale di 1.886 MJ/azienda/giorno in elettricità e energia da carburante per i trasporti. Il biogas totale richiesto per soddisfare il fabbisogno di carburante ed elettricità è di 4.163,2 MJ/azienda/giorno. L’impianto AD analizzato in questo studio ha il potenziale per alimentare 22 aziende lattiero-casearie di medie dimensioni nell’Irlanda del Nord, pari alla produzione, al trasporto e alla lavorazione di 51.986 litri di latte al giorno. Non solo l’AD può essere importante per fornire energia rinnovabile all’agricoltura, ma l’agricoltura è importante per l’alimentazione dell’impianto di AD. Per soddisfare i requisiti delle materie prime, è stato calcolato che cinque aziende lattiero-casearie all’anno potrebbero fornire l’insilato di erba e cinque aziende lattiero-casearie all’anno potrebbero fornire il liquame del bestiame. Il siero di latte inutilizzato, che è un sottoprodotto della produzione di formaggio, può anche essere utilizzato come materia prima costituente dell’impianto AD, con il potenziale di produrre 1.220 MJ/azienda/giorno. Questo studio mostra come la digestione anaerobica possa costituire il centro di un’economia circolare in un ambiente agricolo rurale.

Akron srl oggi assume sempre più la dimensione di azienda di respiro internazionale, offrendo soluzioni ecosostenibili e all’avanguardia, proponendo risposte adeguate verso un miglioramento della sostenibilità delle produzioni zootecniche.

Akron srl mette a disposizione le sue soluzioni a favore della sostenibilità

Akron srl è in grado di offrire pieno supporto a chi vuole diventare produttore di elettricità da biogas o biometano. La lunga esperienza nell’assistenza biologica di

impianti a biogas e biometano rende Akron il partner ideale a cui rivolgersi, grazie anche al suo personale qualificato, magazzino sempre rifornito e laboratorio interno specializzato.

Con Methazym®, il Team R&D di Akron srl ha sviluppato un pool di enzimi fungini e batterici che accelerano la decomposizione del materiale organico e permettono di sfruttarlo più intensamente.

Methazym® è un acceleratore biologico in grado di migliorare il processo fermentativo della digestione anaerobica e di aumentare significativamente la produzione di metano.

L’effetto principale di Methazym® consiste nel ridurre la viscosità del contenuto del digestore. Il substrato può così essere gestito più facilmente grazie alla sua maggiore fluidità.

Il controllo degli acidi volatili e dell’ammoniaca attraverso un bioattivatore enzimatico e batterico come Methazym®, utilizzato nelle fosse di stoccaggio a monte dell’impianto di biogas, porta ad una riduzione considerevole della quantità di ammoniaca presente nel rifiuto e favorisce un innesco più rapido del processo microbiologico che porta alla degradazione della sostanza organica. Questo velocizza la prima fase di digestione anaerobica.

Methazym® apporta:

  • Catalizzatori enzimatici (cellulasi, proteasi, amilasi, lipasi ecc. ottenuti dalla fermentazione).
  • Fattori biotici che stimolano il metabolismo batterico.
  • Microelementi.
  • Inibitori di ammoniaca.

Quando utilizzarlo?

Methazym® può essere utilizzato in una ampia varietà di industrie e sistemi di trattamento dove si riscontrano:

  • Problemi di miscelazione del fermentatore.
  • Difficoltà di pompaggio.
  • Bassa conversione del substrato.
  • Substrati ricchi nella frazione fibrosa.
  • Formazione di sedimentazioni o croste.
  • Bassi tempi di ritenzione.

I nostri clienti hanno scelto Methazym® per il potenziale ritorno sugli investimenti dal miglioramento della produzione di biogas.

Puoi ottenere risparmi reali sfruttando al meglio il substrato, in particolare quello derivato dagli insilati (mais e cereali), che sono più ricchi di energia ma anche più costosi.

Caratteristiche:

  • Migliora l’utilizzo del substrato: favorisce il rilascio dei componenti primari della fibra (zuccheri).
  • Migliora l’efficienza di miscelazione – riduce la viscosità della massa.
  • Migliora l’utilizzo di sostanze di input a basso costo.
  • Riduce il rilascio di ammoniaca libera.
  • Aumenta il metabolismo cellulare batterico.
  • Aumenta il processo di conversione della biomassa in metano.
  • Aumenta il carico organico per unità di volume di fermentazione.
  • Migliora la stabilità del processo
  • Riduce i tempi di ritenzione idraulica.
  • Migliora il rapporto costo-efficacia della produzione di biogas.

I test effettuati su Methazym®, sia in laboratorio che su impianti di varie dimensioni e tipi, hanno mostrato risultati positivi. Infatti, un’attività batterica più elevata significa una trasformazione più ottimale della biomassa in metano, con aumenti significativi della produzione e del carico per il volume fermentabile correlato ad un tempo di ritenzione idraulica inferiore. Alimentando il tuo digestore con Methazym® potrai aumentare la produzione ed il profitto del tuo biogas!

Non è facile descriverci in poche righe, ciò che ci caratterizza infatti è proprio l’ampio campo di lavoro frutto di dedizione e studio quotidiano.

“BIOTECHNOLOGY ACCORDING WITH NATURE